Blois - Parcours Le Porc Epic

Passeggiate ed escursioni A Blois

2.0 km
Pedestre
2h
Mezzi
ch Blois crédits Aérocom.jpg
Parcours Porc épic.jpg
  • Elevazione
    36.11 m
  • Documentazione
    I file GPX \/ KML ti consentono di esportare la traccia della tua escursione sul tuo GPS (o altro strumento di navigazione)
Punti di interesse
1 Presentazione
Il circuito del Porcospino animale scelto come emblema da Luigi XII°, vi conduce verso i sontuosi palazzi e i giardini reali.
Lunghezza del circuito 2 km.
2 Rue Pardessus
Risalite la rue du commerce per circa 20 passi e prendete la stretta rue Rebrousse-Pénil prima di raggiungere la rue Pardessous. Al n. 8 e 10, due facciate gemelle del XV° secolo ornate di figure mostruose che sembrano mangiare la trave orizzontale.
A 50 metri sulla vostra sinistra il bel portone rinascimentale del palazzo Viart, contemporaneo al regno di Francesco I°.
3 Rue Porte Chartraine
Risalite, poi, la rue Porte Chartraine, che con la rue du commerce, formava l’asse centrale della città, chiamato Grand Rue nel medioevo. Sulla vostra sinistra, al n. 4 una targa segnala la casa natale del mago Robert-Houdin (1805-1871). Era, inoltre il primo negozio del fabbricante di cioccolato Auguste Poulain, fondato nel 1825.
4 Rue St Honoré
Percorrete sulla vostra destra la rue Saint-Honoré : al n. 8, la facciata dell’ampio Palazzo d’Alluye, costruito per Florimond Roberet, tesoriere di tre re successivi fi no a Francesco I°, presenta delle similitudini con l’ala Luigi XII° del castello. Ritroverete il porcospino di Luigi XII°, la cintura della sua sposa Anna di Bretagna, le loro iniziali A e L e il loro blasone, di Francia e di Bretagna, loro segni eraldici distintivi ed accanto le armi con il marchio dei proprietari.
5 Grand escalier Denis Papin
A 50 metri approfittate della bella vista dall'alto dello scalone Denis Papin. La statua situata al centro dello scalone è quella del celebre inventore della macchina a vapore (1647-1712). Prendete in seguito la rue Julien Coudray, poi la rue des Cordeliers, per arrivare davanti alla torre Beauvoir.
6 Tour Beauvoir
Costruita nel XI° secolo su una collinetta, costituiva il centro del feudo della famiglia Beauvoir. Acquistata dal conte di Blois nel 1256, fu integrata alle fortificazioni della città. Potete vedere altre vestigia sulla sinistra. A partire dal 1430 la torre fu utilizzata come prigione fino al 1940.
7 L'Hôtel de la Chancellerie
Raggiungete la rue Beauvoir e prendete davanti a voi la rue Chemonton, che prende probabilmente il suo nome dall'espressione “cammino montante”. All'angolo con la rue du Lion ferré, il palazzo detto della Cancelleria ha la particolarità di avere il tetto a forma di carena di nave rovesciata.
Raggiungete la rue Porte Chartraine e poi prendete sulla vostra destra la rue Porte Coté, che prende il suo nome dalla porta che si apriva nelle fortificazioni del XIII° secolo, all’incrocio con la rue Gallois.
8 Giardino Augustin Thierry
Nel giardino Augustin Thierry, la chiesa di Saint-Vincent è l’antica cappella dei Gesuiti, istallatisi a Blois nel 1622. La facciata della chiesa che è a navata unica, è stata costruita sul modello della chiesa del Gesu’ a Roma. Sotto il primo cornicione le lettere entrecciate G e AM corrispondono alle iniziali di Gastone d’Orléans, fratello di Luigi XIII° e costruttore dell’ala classica del castello di Blois e di sua figlia Anne-Marie de Montpensier che contribuirono
a finanziare l’edificio.
9 Jardin des Lices
Lasciate la piazza e prendete la rue Jean Laigret per raggiungere gli antichi giardini reali. Sistematevi all'estremità della terrazza in basso per potere approfittare della vista sulla facciata delle “Loges”. Edificata sotto il regno di Francesco I°, a partire dal 1515, la facciata è stata concepita a modello delle Logge del Vaticano, contemporanee, e apre il castello sul giardino. Quest'ultimo fu comandato da Luigi XII° a un giardiniere italiano originario di Napoli. È attualmente diviso in due a causa della sede stradale dell'avenue Jean Laigret, che avete appena attraversato.
Dall’altra parte di questa via esiste ancora oggi l’Orangerie (luogo in cui si sistemavano in inverno tutte le piante del castello a protezione dal gelo), ora trasformato in ristorante, il Pavillon Anne de Bretagne, dietro il cedro. Costruito in mattoni e pietre su pianta ottogonale, contiene la stanza di riposo principale e un piccolo oratorio in cui la regina si recava per ascoltare la messa.
10 Façade
Raggiungete il castello attraverso la rampa del fossato : la parte bassa delle torricelle della facciata delle Loges é ornata di rilievi rappresentanti le fatiche di Ercole scolpite secondo un modello italiano. Risalite in seguito la rue de la Voûte du château, dove si trovava una porta di accesso fortificata.
11 Chiesa di Saint-Vincent
Nel giardino Augustin Thierry, la chiesa di Saint-Vincent è l’antica cappella dei Gesuiti, istallatisi a Blois nel 1622. La facciata della chiesa che è a navata unica, è stata costruita sul modello della chiesa del Gesu’ a Roma. Sotto il primo cornicione le lettere entrecciate G e AM corrispondono alle iniziali di Gastone d’Orléans, fratello di Luigi XIII° e costruttore dell’ala classica del castello di Blois e di sua figlia Anne-Marie de Montpensier che contribuirono
a finanziare l’edificio.
12 Château Royal de Blois
La facciata principale del castello si apre con un portico dominato dalla statua equestre di Luigi XII° e ornato di fleurs de lys (gigli), simbolo della monarchia di Francia. Diventato re nel 1498, il duca Luigi d’Orleans torna al castello di famiglia e fa costruire la nuova ala che ospivava gli appartamenti reali, aperti con dei balconi al I° piano.
13 Place du château
Prendete, poi i giardini della piazza : questo sito era quello della Colleggiale Saint-Sauveur, interamente distrutta durante la Rivoluzione. Questa chiesa che serviva da necropoli ai conti di Blois era stata sede di importanti cerimonie : benedizione dello standardo di Giovanna d’Arco nel 1429, funerali di Anna di Bretagna e di Caterina de Medici.
14 Maison de la Magie
Un’idra, serpente mitologico a più teste sorprenderà ogni ora i visitatori.
Raggiungete il punto di partenza scendendo i Grands Dégres scale del castello.
15 Félicitations
Tu connais maintenant l'histoire de Blois et ses jolis quartiers anciens. S'il te reste du temps trois autres parcours sont disponibles.

Pour connaître les bonnes réponses, rends-toi à l'Office de Tourisme (23 place du château) et si tu as "tout juste" une surprise t'attends!
36 metri di dislivello
  • Altitudine di partenza : 82 m
  • Altitudine di arrivo : 82 m
  • Altitudine massima : 102 m
  • Altitudine minima : 82 m
  • Guadagno totale positivo : 36 m
  • Guadagno elevazione totale negativo : -36 m
  • Guadagno elevazione massima : 14 m
  • Guadagno elevazione negativo massimo : -13 m
Scrivi una recensione
Scrivi la tua opinione su Blois - Parcours Le Porc Epic :
  • Orribile
  • Cattivo
  • Mezzi
  • Molto bene
  • Eccellente
1 vista
Mezzi
  • Promenade intéressante

    idée originale et ludique de découvrir Blois en famille. Les 2h de balade ne se ressentent même pas. C'est dommage que la réponse 1 et 3 soient erronées. De plus, à la fin du circuit, l'office du tourisme ne nous donne pas plus d'explications sur ces erreurs. Et paraît étonnée quand nous parlons de la "surprise" qui attend nos enfants si le quiz est tout bon. C'est vraiment dommage pour les enfants. par contre, un petit livret de jeux a été donné en compensation !

    ,