-A +A

Visite ed escursioni a Blois

Alla scoperta di Blois

Città storica, Blois nasconde numerosi tesori da scoprire seguendo percorsi ludici ben indicati

Blois è una città ideale per passeggiare in una cornice architettonica affascinante e ricca di storia. Le viuzze pedonali del centro città si snodano tra vecchie case a graticcio e prospettive complesse. Dalla rue Poids du Roi, una successione di facciate e tetti conduce sino al campanile della cattedrale gotica Saint-Louis, che svetta sulla città.

Passeggiare nelle viuzze cittadine

Costruita sulle pendici di una collina, Blois è una città da scoprire a piedi, attraverso scale, salite e discese. Ubicata sui bordi della Loira, offre una splendida vista dall’alto sul fiume reale e sul ponte Jacques Gabriel, opera architettonica settecentesca. Da non perdere le dimore signorili rinascimentali della rue du Puits-Châtel o la Casa degli acrobati, che si affaccia in place Saint-Louis, una delle più antiche di Blois, visto che risale al regno di Luigi XI, ricompensata, nel 1960, con il premio “La più bella casa di Francia”.

Affinché ognuno possa scoprire la città al suo ritmo, quattro circuiti pedonali battezzati “À nous les p’tits clous” e indicati da piccole borchie di bronzo sul selciato guidano i visitatori attraverso i vari quartieri: i dintorni del castello e dei giardini reali, il Puits-Châtel, la zona delle antiche abbazie e la riva sinistra, con il suo splendido panorama.

Dal castello reale alla Casa della magia

Visitando Blois, si nota rapidamente una caratteristica urbanistica peculiare: tutte le vie della città conducono al castello. Munita di una facciata impressionante, dimostrazione unica dell’evoluzione dell’architettura tra il XIII e il XVII secolo, riccamente decorata e superbamente restaurata nell’Ottocento, questa residenza reale ha accolto, nel corso dei secoli, ben sette re e dieci regine di Francia. Ospita anche il museo delle Belle Arti cittadino, dove sono esposti, tra gli altri, capolavori pittorici firmati Ingres, Rubens e Boucher.

Cambiando completamente registro, ti consigliamo vivamente anche una visita alla Casa della magia, situata davanti al castello. La sua facciata è qualcosa di sorprendente: questa grande dimora borghese di metà Ottocento assume un aspetto fantasmagorico ogni mezzora, quando un drago meccanico a sei teste fa capolino dalle sue finestre! La collezione permanente dedicata alle arti magiche rende omaggio all’illusionista Jean Eugène Robert-Houdin, grande personaggio originario della città. Sempre alla Casa della magia, da non perdere l’affascinante mostra “Segreti di carta”; dall’origami alle esperienze di illusionisti e artisti, la carta si svela sotto tutte le sue forme: pentola gigante, gru giapponesi sospese, libri animati, pop-up, sculture di Éric Joisel, animali della savana di Gérard Ty Sovann…

La Fondazione del dubbio. © Jean-Philippe Thibault

Fluxus o la Fondazione del dubbio

È praticamente impossibile lasciarsi sfuggire la Fondazione del dubbio: la sua facciata ricoperta da numerose lastre firmate dall’artista Ben non passa certo inosservata! È lui che ha immaginato questo luogo per far vivere Fluxus (un movimento d’arte contemporanea) in Francia; vi si possono scoprire, tra le collezioni permanenti, opere, video e interviste dei principali protagonisti del movimento, dal grande John Cage a Joseph Beuys, passando per Georg Brecht.

Dopo la visita dei luoghi, un percorso artistico che si snoda per la città prolunga il piacere: 30 lastre smaltate realizzate da Ben, collocate in 30 luoghi diversi della città, pongono delle domande per far riflettere i visitatori. Una splendida illustrazione di Blois, città vivente e vibrante dove tradizione e novità si fondono armoniosamente, come testimoniato anche dal “photocall”, in place du Château.