-A +A

Un volo in mongolfiera sopra Blois

Volare sopra la Valle della Loira

Per scoprire un panorama ineguagliabile sulla Valle della Loira, la mongolfiera è un'esperienza unica. L’abbiamo provata per te!

Arrivati in un campo sui bordi della foresta, a nord di Blois, ci prepariamo a vivere il nostro primo volo in mongolfiera e a realizzare un sogno che avevamo da bambini. Dopo aver dispiegato a terra il gigantesco telo del pallone, Mickaël, il nostro pilota, vi fa entrare innanzitutto dell’aria fredda per mezzo di un grosso ventilatore e poi l’aria calda del bruciatore.

Il telo si solleva delicatamente e il pallone s’innalza alla verticale, pronto per accoglierci. Entriamo allora nel piccolo cesto di vimini e saliamo dolcemente in aria. Spinto dal vento, il pallone ci porta oltre le fronde degli alberi, che lasciano apparire dietro di loro la città di Blois e il fiume. I rumori cittadini ci pervengono attenuati, come smorzati da un cuscino di ovatta. Leggeri come l’aria, ci avviciniamo al cuore storico della città reale.

Librarsi in volo attaccati a un pallone, sorvolare i castelli e sfiorare la superficie del fiume all’alba, attraverso la foschia, scaldati dai primi raggi del Sole.

Sotto i nostri occhi meravigliati, si stendono il castello reale di Blois, i tre ponti sulla Loira e la cattedrale, superbi nella luce radente di questo pomeriggio estivo che sta per finire…

Il nostro pallone sorvola adesso la Loira. Per un istante, il cesto sfiora la superficie dell’acqua – che sensazione straordinaria! – prima di ripartire in direzione della foresta di Russy.

Ci libriamo in silenzio; il tempo si arresta, sospeso. Il cesto sembra accarezzare le fronde più alte degli alberi.

Dei cervi si muovono placidamente sui bordi della foresta, inconsapevoli della nostra presenza. Sorvoliamo un castello dove si svolge una grande festa e gli invitati ci salutano. Poi atterriamo, come su una nuvola, sul campo di una coppia di viticoltori che ci invitano a degustare alcune bollicine insieme a loro… Il sole fiammeggiante scende all’orizzonte. I nostri piedi hanno ritrovato la terraferma, ma il nostro cuore è ancora in volo.

Julie, Jane e Jean-Marc