-A +A

Il priorato di Orchaise

Gli alberi del viaggiatore

A pochi chilometri da Blois, il priorato di Orchaise ospita un parco botanico con 2200 varietà di piante e alberi.

Un campanile romanico che domina la valle del Cisse, a 10 km a nord-ovest di Blois, un priorato costruito nel 1060 dai monaci di Marmoutier, danneggiato dalla Guerra dei Cento Anni, poi ricostruito nel XV e XIX secolo....., il Parco di Orchaise potrebbe dare l'immagine di una Francia eterna.

Hubert Treuille, botanico dilettante e instancabile viaggiatore, ha immaginato questo parco di 3 ettari come un'ode alla diversità della natura. Questo globetrotter curioso di tutto ciò che ha riportato nel suo bagaglio betulle dell'Himalaya, crittografi dal Giappone, corna americane, grandi cedri dal Libano..... Più di duemiladuecento varietà di piante e alberi di tutti i continenti che ha raccolto nel parco del priorato di Orchaise.

Un luogo ricco di essenze e paesaggi

In questo luogo ricco di specie e paesaggi, i sentieri conducono i visitatori dal rigoroso giardino alla francese al tortuoso giardino inglese o alle piante "calde di campagna". Qui, in autunno, non esiste l'acero giapponese e il grigiore invernale. Una pianta tardiva è accanto ad una pianta precoce, un fogliame viola, un fogliame dorato, il giardino è in costante rinnovamento.

Alla fine di aprile, nel parco del priorato, si festeggiano le peonie, cinesi o giapponesi, gli arbusti che la mano del giardiniere non ha toccato, le cultivar a cui porta ampiezza. Alla fine di maggio, il parco celebra la rosa e, alla fine dell'estate, la fioritura delle ortensie. Inevitabile, la scultura del rumeno Christian Breazu veglia sulle pecore al pascolo nel prato alla fine del parco.

La moda in giardino

Dall'albero, ai fazzoletti della piscina, alle ninfee, ai rododendri e alle piante rare, il visitatore riscopre la bellezza della natura attraverso i suoi colori, i suoi profumi, ma anche le sue curiosità. Il Parco del Priorato di Orchaise non è solo un luogo da percorrere a piedi, è una proposta di una persona appassionata: un viaggio botanico, geografico, ma soprattutto sensoriale.

Oggi il parco sta vivendo una nuova vita grazie alle mani esperte di Elie Bensaid. Progetti pieni di idee che piacciono al creatore del parco. "L'arte botanica si è evoluta, la moda ha invaso i giardini, vogliamo portare questo tocco, avendo cura di preservare la storia del luogo. »

Hubert Treuille, uomo del mondo

Politecnico, ingegnere di Schneider, Hubert Treuille, nato a Parigi nel 1919, non intendeva, a priori, diventare un nomade innamorato della natura. Eppure, questo fisico di formazione, allievo di Joliot-Curie e costruttore dei primi carrelli elevatori in Francia, non ha mai smesso di esplorare il mondo così affascinato dalla sua bellezza.
 
Appassionato disegnatore di storia naturale, ha riportato dalle sue spedizioni sotto i taccuini di viaggio in tenda e soprattutto gli esemplari più belli di alberi e piante. Per accogliere questo tesoro, nel 1967, lui e sua moglie acquisiscono il priorato di Orchaise. Questo parco, Hubert Treuille, non è stato concepito come una collezione, ma come un luogo armonioso, propizio alla conoscenza e ai viaggi. Questo è probabilmente ciò che attira visitatori da tutto il mondo.

Per saperne di più..